Le Birre del Belgio - III <br>(traduzione italiana di "Wild Brews")
  • MOVIMENTO BIRRARIO ITALIANO
  • Italiano
  • English

Le Birre del Belgio - III
(traduzione italiana di "Wild Brews")

Carrello

Carrello vuoto
Prodotti
Tesseramento
- Quota associativa annua
Corsi
- Corsi homebrewing
- Corsi di degustazione
Gadget
- Libri Birrari
Eventi
- Beer Attraction Rimini

Quando il birraio utilizza organismi diversi dal lievito Saccharomyces per influenzare il gusto delle proprie birre, emerge una nuova famiglia di sapori. In questo terzo volume della trilogia sulle birre del Belgio, Jeff Sparrow esplora il mondo dei lambic, delle oud bruin e delle Flemish red. Gli appassionati di birra e i birrai scopriranno descrizioni dettagliate dei metodi produttivi e delle procedure di fermentazione per creare birre squisite e particolari; troveranno inoltre utili informazioni sulle maturazioni in botte, sulla miscelazione di diverse produzioni birrarie e sull’utilizzo della frutta nelle fermentazioni “selvagge”.

 

Pur se in qualche modo "rustiche", i lambic e le ale delle Fiandre sono birre complesse, che sfuggono alla facile comprensione dei consumatori e dei birrai. Birre del Belgio III approfondisce la cultura di queste birre iconiche e dei loro produttori, illustrando non solo semplici dati ma anche il territorio che ha permesso la loro creazione. I lettori scopriranno il karma delle birre "selvagge", una illuminazione che permetterà loro di ammirare la bellezza di questa arte e nel contempo di fornire strumenti per la creazione di birre particolari, in un mondo oltre il lievito."
 
Tomme Arthur, Port Brewing e The Lost Abbey, creatore della Cuvee de Tomme, birraio dell'anno 2001 di Malt Advocate
 

 

L’autore

Jeff Sparrow è uno scrittore birrario free-lance. È attualmente nel direttivo della Illinois Craft Brewers Guild e della Chicago Beer Society. Organizza numerosi eventi a Chicago, incluso il Festival of Wood and Barrel Aged Beer ogni novembre. Jeff non è esperto di sole birre belghe, ma è anche un consumato publican, avendo collaborato fin dal 1996 a numerosi Real Ale Festival. La sua filosofia birraria è semplice: non clonare una birra, creane una tua!